sabato 12 dicembre 2009

corpincroce ::: calvario vivente

panorama > (paesaggio pugliese)

Per urlare un no forte e chiaro alla distruzione del paesaggio ci mettiamo il corpo!


Domenica 6 dicembre alle 12,00 ci siamo messi in croce lungo il nuovo tracciato della strada dei colli che il Comune di Cisternino intende realizzare in una zona intatta, di pregio naturale e paesaggistico.

La nostra è stata un'azione, una performance d'arte in favore della bellezza e della memoria in un territorio calpestato e violentato da avidità e cupidigia.


Mentre il cristianesimo si appresta a festeggiare la nascita di Cristo e diverse rappresentazioni sul Natale si ripeteranno come attrazioni folkloristiche più che per far riflettere, una parte del territorio muore e si sacrifica in nome della vanità, dell'ignoranza e della celebrazione dell'asfalto nuovo che la politica da in pasto ai cittadini/clienti. Non per il bene comune o per un pane rinnovato e moltiplicato da comunione, ma tolto alle bocche dei figli e svenduto in nome di un non meglio definito (ma confuso e falso) sviluppo!

Uno sviluppo che miseramente si riduce a favore delle tasche del "partito del cemento", nell'insulsa autocelebrazione di se stessi e della povertà di una politica che non si traduce più in risposte per i bisogni dei cittadini, ma esclusivamente ad uso e consumo del potere di turno.


Con la scelta del regresso per il paesaggio italiano, il sacrificio della bellezza e della memoria, il consumo del territorio per favorire il nero del catrame e il grigio del cemento, si è deciso di togliere l'anima al futuro.



(oltre a me i performers sono: Cinzia Tagliente e Angelo Cardone, le foto sono di Vito Zizzi)

1 commento:

cooksappe ha detto...

ben fatto! ^^