giovedì 7 maggio 2009

Warszawa Centralna, la vittoria di Autocad!



E' stata una sensazione strana, arrivare a Varsavia....molto strana! Si, perche' lasciavamo un'esperienza intensa: quella bella di Lodz. Di quella casa cosi' "normale" da assumere subito dopo, la forma piu' eccellente dell'esperienza polacca di pastaMadre, mia, nostra. Sylwia e' nella nostra "pasta"... Anita, Mateus e tutta la gente incontrata e' nei condimenti!!!
Di Varsavia, ricordero' le persone: l'energia di Sebastian e Agata, la disponibilita' di Tomas e Justina... tutto il resto e' stato un viaggio attraverso le linee dell'era socialista ma soprattutto quelle di Autocad!
Attraversare l'abitare, dove l'occidentalizzazione di questa parte d'Europa passa, inevitabilmente, da un appiattimento all'altro.

Le differenze diventano un buon momento a scopo turistico, fanno bella mostra di se, consumabile!

(...)

Non so esattamente cosa provo in questo momento...forse saro' confuso come per ogni partenza, il pane resta buono e tutta la "malincolia" attraversata in questo pezzetto di mondo mi affascina quando non e' completamente sopraffatta da forme anonime, mode e quant'altro.
Forse perche' quella malinconia nasconde qualcosa di piu' romantico e l'arte quando e' manifesta lo dimostra. Puo' essere anche che, alle volte, la disperazione porti ad una dimensione visibile solo dopo aver attraversato a piedi nudi la stessa disperazione dell'essere umano! E Tornero' ancora su i miei passi!

1 commento:

mirella ha detto...

mi sto appasionando sempre più leggendo tra le righe le emozioni che questo viaggio vi sta lasciando.. uscire dalla solita routine e immergersi in un avventura ricca di cultura e di VITA...continuate così noi vi osserviamo da lontano un baciooo