lunedì 20 aprile 2009

Dopo la prima di Bihać, dentro i racconti!

Siamo appena arrivati a Zagreb e vi scrivo da un'internet point della stazione degli autobus, dopo tre giorni buoni a Bihać! Non posso aggiungere immagini...non so perche'...come per gli accenti...visto che la tastiera non contempla...ma io si! Voi direte...cher potrei aggiungere simboli ecc...ma va bene cosi... con o senza l'accento!



Quell'Una di Paola Lucchesi

Ieri siamo stati a Martin Brod...un posto tanto sfigato e altrettanto affascinante...le cascate dell'Una, i mulini e tanta Rakja!!! La giornata ieri e' iniziata con un abbondate colazione offerta da Dragica e Veljko...uova, bistecche impanate, prosciutto, formaggio, sfoglia dolce, caffe' turco e tanta Rakja (se si cosi scrive)...e' andata avanti per tutta la giornata.
Siamo stati ospiti di Paola Lucchesi la giornalista italiana che vive in Bosnia dai tempi della guerra dei Balcani. Infaticabile donna piena d'energia e tanta...ma proprio tanta buona volonta'!
Con lei due fantastici figlioli (dei tre) Marta e Alex che dopo un primo momento di diffidenza hanno rotto il ghiaccio! Splendidi ed intelligentissimi! Belli! Nel primo pomeriggio Paola ci Ha riportati a Martin Brod, alla sua stazione fantasma, presidiata dalla polizia locale. Villaggio di confine dalle terribili legende, che durante la guerra, come tutti i villaggi di confine e' stata coinvolta in pulizie etniche.
Vabe'...appena sara' possibile pubblichero' alcune foto mooooolto descrittive!!!

2 commenti:

ilariett ha detto...

ciao....il vostro sembra un viaggio molto affascinante ...ma finora non ho ancora letto niente a riguardo del pane....
quando iniziate a farlo?

Fabio KoRyu ha detto...

sto caricando la versione inglese di Pasta Madre su YouTube...